Disturbi dell’orientamento sessuale

La difficoltà di confrontarsi con il proprio statuto sessuale e di soggettivarlo costituisce, in generale, il nodo intorno al quale ruotano alcuni disturbi riguardanti la sessualità, l’orientamento sessuale e l’identità di genere. Le implicazioni coinvolgono il desiderio, la vita pulsionale, il confronto con gli altri, le relazioni, l’affettività, le amicizie, l’autostima, ecc.

Sul piano clinico esistono differenti omosessualità, più o meno agite e praticate. L’eventualità di un percorso terapeutico può essere presa in considerazione quando un soggetto avverte la tendenza omosessuale come qualcosa di “egodistonico”: ovvero le fantasie, l’orientamento o l’attrazione verso una persona dello stesso sesso sono avvertite in modo conflittuale o problematico. Ciò non significa che l’omosessualità sia o debba considerarsi una “malattia”.

Interventi:

– consulenza e colloqui di valutazione
– psicoterapia
– percorso psicanalitico
– supporto psicologico